La moda handmade protagonista all’interno di Manifactory a Roma

0 views Leave a comment

Tutte le amanti della bellezza non possono rimanere indifferenti ai prodotti handmade. Le creazioni artigianali hanno un fascino irresistibile legato a tanti fattori differenti. L’originalità dei prodotti, la creatività dell’artista, e poi il processo realizzativo stesso, frutto della conoscenza e della manualità del designer, rendono ogni pezzo artigianale qualcosa di unico, e quindi esclusivo, che non può che catturare tutti gli sguardi.

Indossare abiti e accessori artigianali, allora, diventa un elemento distintivo, che comunica la nostra passione per la bellezza, per l’unicità, ma anche il nostro buongusto e il saper apprezzare un tipo di lavorazione che viene dal passato, il nostro passato, e che richiede impegno e dedizione.

Fortunatamente, sempre più persone stanno riscoprendo la bellezza delle produzioni fashion artigianali. Nel centro di Roma è da poco nato Manifactory, il coworking dell’artigianato e del design che mira a promuovere l’attività handmade tra il grande pubblico di residenti e turisti che affollano la Capitale.

Abbiamo avuto modo di conoscere questa realtà, e tutti quelli che aderiscono al progetto, in occasione di “Together… to go there“, un fashion show andato in scena nelle sale della struttura.

Nel corso dell’evento, abbiamo visto sfilare le creazioni handmade di numerosi designer emergenti. Oltre ad ammirare abiti e diversi tipi di accessori, tutti molto belli e innovativi, e ovviamente realizzati a mano, noi di Scarpe Magazine non potevamo non concentrarci sulle calzature handmade Massimo Ciccalé. Il designer ha proposto una collezione di zoccoli resi eccezionali dalle differenti lavorazioni che affondano le loro origini nella tradizione made in Italy.

“Le forbici di mio nonno,il martello di mia madre, le pinze e il cacciachiodi di mio padre, il mio legno di fico. La passione è il filo conduttore che dà vita alle mie creazioni senza tempo” spiega il designer sulla sua pagina Facebook, e in effetti è facile immaginarlo all’opera sulle diverse parti che compongono i suoi zoccoli. Suole in legno di diverse tipologie, in base al modello, fascia metallica laterale, proprio come si usava un tempo, per ricoprire i bordi delle calzature, e pelli lavorate e dipinte a mano, per dare vita a degli effetti di particolare bellezza, senza nascondere le caratteristiche intrinseche delle stesse.

Insomma, sono dei piccoli capolavori che ben completano gli outfit che hanno sfilato lungo la sala di Manifactory. Il designer realizza anche altre tipologie di calzature, come i sandali che vedrete in foto, e altri accessori.

Queste ed altre bellezze artigianali, le troverete all’interno del coworking Manifactory a Roma, in via dei Funari 21A. Se vi trovate nella Capitale, vi consigliamo di farci un salto. Ecco le foto delle calzature Massimo Ciccalé e della sfilata “Together… to go there”.

 

 

↓ DAI UN'OCCHIATA ANCHE A QUESTI ARTICOLI ↓