La storia delle DR MARTENS

0 views Leave a comment

dr-martens_scarpemagazine3Vediamo oggi la storia di uno degli stivaletti più famosi al mondo: le Dr Martens. Questa è una storia che comincia nel 1943 quando un medico tedesco, Klaus Maertens, si ruppe una piede sciando. Trovando scomodo le scarpe a sua disposizione, cominciò a pensare a un modello innovativo di suola rifacendosi ai modelli degli scarponi presenti sul mercato e realizzò così uno scarponcino marrone a 8 buchi. Sfortunatamente non ebbe successo. Il successo cominciò ad arrivare quando il dottore si mise in società con un vecchio compagno di università, Herbert Funck, avviando una produzione di scarpe che utilizzava scarti di gomma della Luftwaffe (l’aviazione militare tedesca) per la suola e vecchie divise dismesse dell’esercito tedesco per realizzare la tomaia. Nel 1952, i due già producevano più di 200 dr-martens_scarpemagazine4diversi modelli che venivano principalmente acquistati da clientela femminile (soprattutto casalinghe) per la loro comodità. Nel 1959 Griggs, che nel frattempo aveva avuto cospicue commissioni da parte dell’esercito inglese per la Guerra di Corea, ne acquisisce il brevetto mantenendo il nome Dr Martens. Tra le sostanziali modifiche apportate (disegn della suola, arrotondamento del tacco, la fettuccia posteriore con il marchio Air Wair) inserì l’inconfondibile cucitura gialla tra suola e tomaia. Le Dr Martens divennero immediatamente le scarpe di postini, operai e poliziotti. Il boom avvenne negli anni ’60 quando gli Skins (quella subcultura londinese dalla testa rasata, che non basava la sua identità su di un’ideologia politica, ma su elementi legati alla musica e all’abbigliamento) e successivamente i Punk fecero delle Dr Martens le loro scarpe simbolo. Negli anni ’90 però, le vendite calano al punto di spostare la produzione dal Regno unito in Cina e Thailandia. Nel 2007 si torna in UK dove le Dr Martens vengono rilanciate come accessorio glamur nelle passarelle di alta moda. Poi, la campagna “First and Forever” diventa virale giocando sul ricordo che lo stivaletto più famoso al mondo ha sempre rappresentato: stile rarefatto, vecchi juke box, bowling, macchine d’epoca. Insomma, atmosfera senza dr-martens_scarpemagazine2tempo. E così, ecco che si torna di moda con modelli sempre più disparati finché nel 2013 il marchio  R. Griggs Group viene acquistato dal fondo londinese Permira per 355 milioni di euro.
Noi adoriamo queste scarpe tanto da aver dedicato loro un On the Road, e voi?

dr-martens_scarpemagazine

↓ DAI UN'OCCHIATA ANCHE A QUESTI ARTICOLI ↓