Gianni Versace, la tenacia italiana

0 views Leave a comment

L’ambizione e la testardaggine di un calabrese, la creatività di un italiano che credeva davvero nel suo talento, in quello che avrebbe potuto creare: Gianni Versace è questo e molto di più.
A quasi vent’anni dalla sua tragica scomparsa è un piacere ripercorrere i suoi primi passi dalla nascita a Reggio Calabria fino all’Olimpo dell’Alta Moda.
Gianni Versace nasce a Reggio Calabria e inizia già in giovanissima età a lavorare con la madre, sarta di professione, nell’atelier di famiglia. Capisce subito che la scuola non è nelle sue vene e senza diplomarsi al Liceo Classico si trasferisce a 25 anni a Milano, per iniziare il lavoro come Stilista presso Genny e Complice dove nel 1975 presenta per quest’ultimo brand la sua prima collezione.
Solo tre anni dopo riesce a presentare la prima linea di abiti femminili con il suo nome: Gianni Versace Donna e negli stessi anni inizia una fortunatissima collaborazione con Richard Avedon, fotografo americano, che concederà alle sue creazioni ancora più visibilità.
Negli anni ’80 inizierà un’altra grande collaborazione alla quale teneva molto, quella con il teatro. Gianni Versace diventa un importantissimo costumista teatrale e inizia a lavorare per i più grandi palcoscenici e rappresentazioni del mondo. Per queste grandi collaborazioni gli verrà ancora consegnato uno dei più memorabili riconoscimenti: il Silver Mask Award.
A Parigi, nello stesso anno, ci sarà la sua prima mostra al Victoria and Albert Museum che segnerà in tutto e per tutto il suo trionfo nel mondo della moda.
Per tutti gli anni ’80 diventa uno dei punti di riferimento massimi nell’ambito della moda italiana e internazionale e lo rimane per tantissimi anni a venire. Un’enorme quantità di donne famose si innamorano del suo stile, ma non solo! Al suo funerale a Milano la principessa Diana, Elton John, Sting, Naomi Cambell… Gianni Versace è un nome che ha segnato non solo l’ambito della moda.

Tutto il mondo ha guardato, guarda e guarderà con incanto le sue splendide creazioni.

↓ DAI UN'OCCHIATA ANCHE A QUESTI ARTICOLI ↓