Giannico, l’enfant prodige delle calzature tra Salvador Dalì e Andy Warhol

0 views Leave a comment

ScarpeMagazine_Andy_Giannico“Non ho paura di dimostrare la mia età”, dichiara il diciannovenne Nicolò Beretta, meglio noto come Giannico, il giovanissimo designer la cui carriera–lampo assomiglia a una delle bellissime favole in cui da piccolo collocava le sue principesse, per le quali disegnava abiti e accessori con tessuti, oggetti e materiali.

All’età di soli 15 anni, Nicolò ha l’occasione di incontrare Manolo Blahnik in persona, che gli dà la sua benedizione, spingendolo a dare vita al progetto Giannico. “Mi ha incoraggiato a trasformare i miei sogni in realtà”, dice Beretta. Lui ne ascolta i consigli e viene presto selezionato per partecipare all’Italy’s Vogue Talents. Siamo nell’autunno del 2014. Non ha una vera formazione accademica alle spalle, solo un’innata predisposizione alla bellezza e al design. Il suo genio viene presto riconosciuto e riconfermato da Franca Sozzani, direttrice di Vogue ItaliaVogue Talents Corner.com sceglie la sua collezione.

Le sue scarpe, riconoscibili da un’immancabile suola verde, sono fatte di surrealismo, genialità, riferimento a mondi e icone che tutti conoscono e amano. Come Salvador DalìAndy WarholPicasso. O come la Lolita di Stanley Kubric, “una ragazza giovanissima e innocente, che forse così innocente poi non è”, dice Giannico stesso.

Ecco una carrellata di sue creazioni:

↓ DAI UN'OCCHIATA ANCHE A QUESTI ARTICOLI ↓