Scarpe: piacere e dolore. Un viaggio fra le calzature più estreme

0 views Leave a comment

Spesso e volentieri il gentil sesso si trova a dover affrontare una dura verità: più una scarpa è bella e più è doloroso indossarla a lungo. Il dolore e il piacere camminano a braccetto quando si parla di scarpe: da questa consapevolezza nasce la particolarissima mostra “Shoes: Pleasure and Pain” che aprirà i battenti il prossimo 13 Giugno a Londra.

Più di duecento calzature inusuali, provenienti da tutto il mondo, saranno esposte presso il Victoria and Albert Museum fino all’inizio del 2016, per la gioia di tutte coloro che sono curiose di toccare con mano quanto di più estremo sia stato concepito finora in fatto di calzature. Presso l’eccentrica esposizione non sarà possibile vedere solo scarpe contemporanee, ma anche calzature risalenti a epoche passate: si tratta, dunque, anche di un’occasione per confrontarsi con donne che hanno abitato altri luoghi e vissuto in altri periodi storici.

Le scarpe più difficili da portare che siano mai state indossate da una donna saranno, a breve, esposte a Londra: dalle Armadillo Shoes di Alexander McQueen, alle Manolo Blahnik di cui ci siamo innamorate guardando Sarah Jessica Parker in Sex and the City. Helem Persson, curatrice della mostra, conosce bene lo spirito femminile e afferma che le scarpe sono «veri oggetti d’arte, bellissimi, una sorta di scultura nonché potenti indicatori dello status sociale, dell’identità, di gusti e anche di preferenze sessuali». Come non essere d’accordo?

↓ DAI UN'OCCHIATA ANCHE A QUESTI ARTICOLI ↓